Informazioni personali

La mia foto
Spezzano, Modena, Italy
Inguaribilmente energetica, e contagiosa.

28 aprile, 2008

INVOLTINI


Un simbolo parla per allusione.
Nelle arti figurative, il simbolo rappresenta ciò che, nel linguaggio, si esprime con una metafora: è una contrazione di un pensiero più complesso, ma allo stesso tempo è ben lungi da essere banale. E' affascinante, è suggestivo: nella brevità, si nasconde un significato denso, che si può spalancare all'improvviso, solo che una persona si metta a ragionare.
Non mi separo mai da un anello che ho comprato in Grecia, a forma di spirale.
La spirale è un simbolo prezioso, che condensa tutta la materia dell'evoluzione, o dell'ascensione al divino, o della ricerca della perfezione. E di tutte tre insieme.
La natura pullula di spirali, come le chiocciole, o i viticci delle vigne.
E gli involtini.
Si distendono le fettine di vitello in bella mostra, sul tagliere.
A ciacuna fettina viene dispensata la sua dose di prosciutto (o mortadella), formaggio (fontina, groviera, ma anche delle semplici sottilette!) e una fogliolina di salvia. Fatte le dovute distribuzioni, si arrotolano le fettine su loro stesse, e la forma perfetta della spirale viene sigillata con uno stuzzicadenti, a fermare il tutto.
Nella padella una nocetta di burro, mezzo bicchiere di latte, un mezzo dado e ciò che resta del salume del ripieno. Il bello di questo piatto rapidissimo è che, durante la cottura, dall'interno dell'involtino fuoriescono gli aromi del salume, della salvia, e parte del formaggio, il tutto filtrato dalla carne a spirale, e questo contribuisce ad un intingolo superbo, col quale annaffiare abbondantemente gli spiedini in fase di spiattaggio.
La spirale diventa molto più evidente quando l'involtino viene tagliato nella sua sezione orizzontale: tutti i nostri libri di geometria iniziano con una figura simile.
La perfezione della natura: ciò che sembra frutto del caso, in realtà, segue le sue leggi matematiche e rigidissime, e la perfezione viene ripetuta in ogni casetta di ogni lumaca dell'universo, o nelle celle delle api.
Non mi separo mai da questo anello a forma di spirale che ho comprato in Grecia: quando mi sembra di girare a vuoto, senza direzione, lo guardo, e mi ricordo che sto puntando alla perfezione. In ogni caso.
Quando guardo un quadro di Mirò, sgomitando con altre centinaia di povere vittime del ponte del 25 aprile, so che non sono tre fregi buttati a caso su una tela (magari graffiata, magari bruciata, magari inchiodata con altre cose che non c'entrano una mazza!), ma che anche Mirò cercava la perfezione.
Quando sto su un divano, in riva al mare, con uno Spritz in mano e Mario Biondi che mi canta nelle orecchie: "Questo è quello che sei!", so che anche in mezzo ad un tornado, quando tutto intorno gira all'impazzata, c'è un punto esatto, in mezzo al turbine, in cui si conserva la calma assoluta.
Quando nel bel mezzo di una partita, vedo una mia sorella crollare sotto i pugni di un'avversaria impazzita, e non capisco più nulla, e corro verso di lei, e mi piego su di lei, a spirale, mentre fuori l'avversaria continua a tempestarmi la schiena di colpi; ma dentro, sono lì, su di lei, tutta tremante dalla paura e dalla rabbia, e le dico, con la voce più dolce del mondo: "Non aver paura. Va tutto bene. Sono io, non ti preoccupare..". E in quel punto, nel guscio che ho creato con le mie braccia, si respira la perfezione.
Un'ultima avvertenza: ricordate di togliere lo stuzzicadenti.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

il guscio che hai fatto sulla chiara non lo dimenticherò mai..

spero che abbiamo ripreso la scena con la telecamerina piazzata a bordo campo, perché quella scena è il simbolo di cosa voglia dire la parola "sostegno"..

bravo capitano

coach

Max_am ha detto...

...altro che anticoncezionali.
Che post figo!

Orso ha detto...

Interno giorno, cucina.
Suocera di Orso, guardando il piatto vuoto: "Andrea, dove hai lasciato gli stuzzicadenti?"
Orso, con espressione sorpresa: "Stuzzicadenti? C'erano gli stuzzicadenti???"

:D

Anonimo ha detto...

o___O' li ho preparati sabato pomeriggio, gli involtini... mentre l'overmach si perdeva nel turbine io turbinavo nel mixer la salsiccia, il parmigiano, le uova...
ma pensa te...
basteranno una fettina e uno stuzzicadenti per avvolgere tutti i pezzi?

un abbraccio,
Steppenwolf.

Billie MacGowan ha detto...

:) prima o poi la smetterete di farmi commuovere tutti quanti uno in fila all'altro quando faccio il giro dei blog, eh...

robbby ha detto...

canto fuori dal coro...caro coach, me la paghi...come hai potuto programmare una partita per il prossimo we????????????????????
mi rubi la mia larissa....maipppiutiperdonerò :(

ghestyz ha detto...

vi siete prese a stekke?O_O yo.......

Anonimo ha detto...

robby.. non c'è più la partita il 4 maggio..

Billie MacGowan ha detto...

:O

robbby ha detto...

si, non c'è la partita ma c'è la partita da andare a vedere, anonimo...

robbby ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

allora rob, ci vediamo tutti alla finale di campionato femminile!

ping!

robbby ha detto...

ping, mi pigghi pooo culo? :)